SCM Music Player

giovedì 5 febbraio 2009

Buddy Bolden

http://bloggandojazz.blogspot.com/search/label/Buddy%20Bolden

Gli albori del jazz
a 23.31
venerdì 20 giugno 2008
New Orleans divenne un centro di confluenza di varie culture: quella francese di antica napoleonica memoria, quella spagnola delle contigue terre dell'America Latina ed infine la locale, costituita dai neri giunti dall'Africa. La citta' del famoso fiume Mississipi non tardo' ad assumere un ruolo primario nella geografia dell'intrattenimento degli schiavi. Congo Square, oggi simbolo della schivitu', si trasformo' in un'area in cui i neri si esibivano in giochi, in canti accompagnati da tam tam, ultima eredita' di una terra lontana e simbolo dello sradicamento, ed in riti e cerimonie Voodoo. Erano nenie molto strane e singolari, suoni indecifrabili, antiche grida tribali, filtrate nel crogiuolo di altre culture, quella francese e quella spagnola. Dominavano le bamboulas, grandi tam tam fatti di barili e pelle di vacca percosse da grandi ossa di bue, mentre le canne di bambu' servivano a dare ai suoni primordiali un carattere di affascinante melodia.
Da questa prima forma di espressione musicale, verso la fine del '800, i suonatori neri di New Orleans incominciarono a costruire i primi intrecci musicali, sotto forma di marce, soprattutto nell'accompagnamento di funerali e nel ritorno dalle sepolture. Stava nascendo un gigantesco repertorio musicale, una miniera di suoni cosi' ricca e fertile da perpetuarsi nel tempo, fino alle piu' recenti fruizioni, da parte della pop e della rock music.Nacquero in questo modo le prime organizzazioni di divulgazione della musica jazz. Fra i protagonisti va ricordato Clairbone Williams, suonatore di cornetta, musicista tuttofare, impresario molto astuto e con lui John Robechaux, batterista e direttore, come Williams, di numerosi complessi che si esibivano sui battelli che risalivano la corrente del Mississippi.Negli anni compresi tra 1895 ed il 1907 ando' formandosi un vero e proprio stile, soprattutto per merito della Ragtime Band di Buddy Bolden.(Tratto dalla "Storia del Jazz" di Walter Mauro)

Nessun commento: