SCM Music Player

lunedì 6 aprile 2009

Marc Chagall:un maestro del 900




Celebre artista russo (Vitebsk 1887 — St. Paul de Vence 1985), Marc Chagall esordì nel 1908. Nel 1911 arrivò a Parigi, dove — scrive Claudia Beltramo Ceppi Zevi - diventò amico di Apollinaire, di Cendrars, di Delaunay, conobbe il mondo delle avanguardie ed entrò in contatto con il Cubismo. Successivamente, rientrando in Russia (dove inizialmente si lascerà affascinare dalla Rivoluzione), sfiorerà il Suprematismo e l’Astrattismo.


Nel 1924 il dissenso politico lo indusse a trasferirsi in Francia. A Parigi, un ritorno che «segna una vera e propria rottura stilistica nel modo di dipingere di Chagall», parteciperà dell’atmosfera del Surrealismo da cui poi si staccherà definitivamente. La tragedia della Seconda Guerra mondiale spingerà poi l’ebreo Chagall al lungo esilio negli Stati Uniti, prima del definitivo rientro in Francia.


«Nelle sue opere rimarrà però sempre un’ambivalenza fondamentale, tra l’esigenza di rappresentare il proprio mondo originario russo ed ebraico e la necessità di dipingere in modo moderno», afferma ancora Claudia Beltramo Ceppi Zevi. Che aggiunge: in questa mostra «cercheremo di dimostrare come proprio il tentativo di risolvere questa ambiguità rimanendo sempre nell’ambito tradizionale del “fare pittura”, eppure con il massimo dell’apertura al mondo esterno, costituisca il segno originalissimo di Chagall e il suo contributo linguistico e formale all’arte del Novecento».

Nessun commento: